_________________

"Asio and Italian Persons of Interest. A History of Sydney's FILEF", il nuovo libro di Gianfranco Cresciani

A Melbourne la presentazione di “Asio and Italian Persons of Interest. A History of Sydney's Federation of Italian Migrants and their family” (FILEF). Al Museo italiano il 17 maggio l'incontro con l'autore  Gianfranco Cresciani

MELBOURNE – Il Museo italiano di Melbourne (199 Faraday Street, Carlton) ospiterà mercoledì 17 maggio alle ore 18.30 l'incontro con Gianfranco Cresciani che presenterà il suo libro “Asio and Italian Persons of Interest. A History of Sydney's Federation of Italian Migrants and their family”.

Comunicato 40° congresso delle Colonie Libere Italiane in Svizzera: Anna Maria Cimini, nuova Presidente

Il 40° congresso disegna la nuova Federazione delle Colonie Libere Italiane in Svizzera

Zurigo, 8 maggio 2017

Un congresso partecipato quello che si è svolto gli scorsi 6 e 7 maggio a Sciaffusa ed al quale sono intervenuti, fra gli altri, il Sindaco di Sciaffusa Peter Neukomm, la Presidente del Cantone Rosmarie Widmer-Gysel, Isabel Garcia, presidente di Secondas Plus Zurigo e Werner Schärer, diretttore di Pro Senectute Svizzera.
D’altronde era nelle attese.
Claudio Micheloni, ormai storico Presidente della FCLIS, lasciava l’incarico dopo 20 anni (a lui il congresso, con grande e sincera emozione, ha titolato a vita la tessera nr. 1 del Movimento);

E’ on line il numero di maggio di Nuovo Paese, la rivista della Filef Australia

La cooperazione, non il cowboy solitario
 
L’attacco alla Siria è stato “mirato e limitato” e una “risposta proporzionata”, secondo il Pentagono, che lo ha giustificato come risposta all’uso, sempre secondo il Pentagono, delle armi chimiche da parte di Assad.
Un attacco di cui Washington aveva preavvertito diversi paesi, tra cui anche la Russia, circa un’ora prima.

Premio Costruttori di pace ai volontari della Filef di Reggio Emilia

Il 25 aprile scorso, in occasione della festa della Liberazione, l'associazione "Mattone su mattone" ha organizzato nella parrocchia di S. Silvestro, a Villa Cella, la quarta edizione del Premio Costruttori di Pace. Alla manifestazione, molto partecipata, sono intervenuti tra gli altri l'assessore comunale Valeria Montanari, la banda musicale di Albinea, il gruppo Musica d'Insieme.

“I NUOVI MIGRANTI ITALIANI”: Inaugurazione del Centro di Documentazione dell’Università di Salerno

SEMINARIO: «I NUOVI MIGRANTI ITALIANI», Biblioteca “A. Santucci” · ex DISSP, Fisciano, 10 maggio 2017 · ore 9:30-13:00 - Il Seminario del 10 maggio ha l’obiettivo di avviare i lavori del Centro di documentazione sulle nuove migrazioni, di recente costituito. In effetti la ricerca al riguardo non è all’anno zero, però è stata sempre messa in secondo piano dai più tradizionali studi sulle emigrazioni o anche sulle immigrazioni straniere in Europa. Soltanto nell’ultimo anno si è davvero sviluppato il dibattito sui numeri e sulle caratteristiche della nuova emigrazione di giovani italiani in diversi e originali destinazioni migratorie. Questo anche in seguito alle infelici teorie di alcuni rappresentanti politici, ben contrastati da studiosi e rappresentanti dell’associazionismo.

Leonardo Zanier, poeta migrante e dei migranti ci ha lasciati.

Dopo una dolorosa malattia è deceduto la sera del 29 Aprile, Leonardo Zanier, già presidente delle Colonie Libere, fondatore dell’ECAP Svizzera negli anni settanta e poi, a partire dal 1988, Presidente della Fondazione Ecap per diciassette anni. I funerali si svolgeranno Martedì 2 maggio alle ore 10, preso il Crematorio di Lugano.

La scomparsa di Leo ci rende tutti più soli, come la scomparsa di un genitore. Da lui abbiamo imparato molte cose e credo che gli dobbiamo una grande riconoscenza. Ci mancherà la libertà e la rigorosa schiettezza del suo ragionare e poetare, la sua lucidità e la sua pungente ironia.

ISTAT, Il futuro demografico dell'Italia: 7,5 milioni in meno nel 2065

La popolazione residente attesa per l’Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità di un aumento della popolazione al 2065 è pari al 7%.

Articoli correlati